Fibromialgia: gambe senza riposo, le (mie) soluzioni

2
147

Ti è mai capitato di avvertire una strana sensazione di punture di spillo, di prurito, o ancora bruciore e formicolii alle gambe quando sei a letto?  Ti è capitato di provare un desiderio irresistibile di muoverle e di danneggiare in questo modo un riposo sereno, per poi sentirti stanca e in colpa al mattino? Questa è la sindrome delle gambe senza riposo e se soffri di fibromialgia è più probabile che tu possa svilupparla.  Chi soffre di fibromialgia, purtroppo, riposa poco, perché, il dolore e la difficoltà di rasserenarsi, impediscono un sonno rigenerante e un riposo proficuo. Oggi sappiamo che fra questi sintomi abbiamo anche le gambe senza riposo. Tempo fa ho letto un articolo sul Journal of Clinical Sleep Medicine in cui c’erano descritte esattamente le sensazioni che mi capita di provare quando sono a letto. Ti lascio il link se vuoi leggerlo anche tu. Secondo questo studio noi fibromialgici abbiamo undici volte in più, rispetto a chi non soffre di questa patologia, di sviluppare la sindrome di gambe senza riposo. La soluzione a questo disagio per i medici è dato dalle benzodiazepine o da farmaci miorilassanti, io non approvo questo uso spropositato di anti depressivi. Sembra quasi che ad ogni sintomo della fibromialgica, l’obnubilescenza sia la soluzione. Io ho risolto questo problema con esercizi di respirazione, attraverso il pilates e attraverso integratori che di sicuro non hanno nulla a che fare con farmaci che occludono i miei sensi.

Un consiglio che sento di darti è di non provare a bloccare le gambe, finiresti per sentire maggiormente l’urgenza di muoverle. Io ti invito a provare a rilassarti e ti anticipo fin da subito che NON SARÀ FACILE!

Proverai rabbia perché non riesci a tranquillizzarti, ti sentirai frustrato, perché, il tuo corpo non sembrerà più il tuo. Avrai voglia di fuggire e di mollare, io ti invito a continuare, a cercare dentro di te la calma necessaria a rilassare il tuo corpo e se proprio non ce la fai chiamami! Ho deciso di occuparmi di fibromialgia proprio perché so cosa si prova e non è giusto che tu continui a sentirti inadeguato, frustrato e SOPRATTUTTO  in colpa. Hai diritto ad avere una buona qualità della vita. Alla prossima!

Se ritieni utile questo articolo per te o per qualcuno che conosci condividilo sui tuoi canali social, mi aiuterai ad informare chi soffre di fibromialgia. Se hai bisogno del mio aiuto non esitare a contattarmi, sono qui per te e ricorda che offro anche consulenza online. Insieme sarà tutto più semplice!

Rosaria Uglietti psicologa

3339769910

2 Commenti

  1. Mi è capitato di soffrirne con la seconda gravidanza e la voglia di scappare ma di non potere era quella che mi dava maggiormente frustrazione, rabbia. Questo tuo articolo è un chiaro segno che bisogna trovare altre strade ed è un ottimo consiglio per chi soffre.

    • Esatto, in genere con la sofferenza si tende a fuggire, la fuga è il primo alimento di cui si nutre il dolore. La calma e la voglia di rasserenarsi, sebbene siano una pratica più lunga e laboriosa, sono gli strumenti che ti aiutano a vivere meglio più a lungo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here